Chi sono

Ho iniziato a praticare sport con coerenza all'età di 18  anni, per sopperire a una mancanza nascosta dalla  passione verso l'arte che praticavo. Quando si e' adolescenti e si crede di capire tutto e tutto è logica, cadere  negli errori e' semplice. Ma sono percorsi  che bisogna affrontare.  È la palestra della vita, che serve ad allenarsi al futuro che aspetta ogni essere vivente.

Accecato da questo trasporto mentale ho portato avanti allenamenti estenuanti giorno dopo giorno senza preoccuparmi di niente, perché il mio corpo forte e giovane sopportava ogni stress. Oggi a distanza di 30 anni il mio corpo mi ha presentato il conto e mi ritrovo a dover seguire quello che LUI (il mio corpo) pretende e di cui ha bisogno.

Oggi divulgando "il verbo" del benessere,  guardo indietro nel mio passato e c’è da mettersi le mani  nei capelli... che col tempo sono andati  via.
Se si pratica uno sport è naturale voler primeggiare, è la regola non scritta e spesso si usano scorciatoie pur di arrivare all'obbiettivo prefissato. Spesso e volentieri incuranti delle cause che può comportare a livello fisico. Questo si può prevenire con una giusta preparazione fisica, poiché spesso e non sono subito, i problemi legati ad una scorretta esecuzione del movimento apporta danni e non sono subito visibili.
A conferma di ciò, il mio caso, dove le conseguenze sono arrivate dopo anni.
Allenarsi in sicurezza!
Questo è il mio motto, questo è il mio principio.

Allenarsi, praticare movimenti corretti e funzionali  per dare al  proprio corpo il benessere che merita, un involucro che ci è stato donato e che dobbiamo rispettare, perché' qualche Dio si è dimenticato i pezzi di ricambio.
Quindi non vuol dire che non si debba fare sport agonistico, ma la mia esperienza mi porta oggi ad insegnare ai miei allievi di allenarsi rispettando la biomeccanica del  proprio corpo. E a quel punto, quando si è padroni del movimento corretto, si può spingere il proprio corpo a superare quei limiti prevenendo anche gli infortuni.

LUCA DI MANNO